Teatro Leonardo Da Vinci

19 aprile / 9 maggio 2004

Bruni/De Capitani

Morte accidentale di un anarchico

di Dario Fo

Info
Stagione 2003/2004 Edizioni 2002-2003 2003-2004 2005-2006 2007-2008
Lo spettacolo La locandina Scopri di più

Prendendo spunto da uno degli episodi più oscuri e tragici della nostra storia, Dario Fo ha costruito una commedia sorprendentemente esilarante, nella quale l’ironia più surreale va di pari passo con la volontà di reclamare a piena voce verità e giustizia sulla strage di piazza Fontana e sulla morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli. Accusato con Pietro Valpreda di aver messo la bomba nella Banca dell’Agricoltura il 12 dicembre del 1969, il ferroviere Pinelli volò da una finestra della Questura di Milano.
Il testo di Fo pesca a piene mani nelle dichiarazioni incongruenti che seguirono l’accaduto, che offrivano già di per sé spunti tragicomici, e porta alle estreme conseguenze i meccanismi del depistaggio, introducendo negli uffici della questura un matto affetto da istriomania, la mania di fingersi un’altra persona. Le sue capacità mimetiche sono eccezionali – ha in repertorio la ‘camminata artritica’, quella ‘scivolosa con lo scattino finale’, la ‘ginocchia di budino’, inoltre la sua voce può essere melliflua, nasale con colpi di tosse o scatti improvvisi – e, come se non bastasse, in manicomio ha avuto modo di studiare alla perfezione codici e codicilli. È un gioco per lui farsi scambiare per un giudice revisore, mandato dalla capitale a verificare e correggere il lavoro del questore e del commissario ‘definestra’. Le posizioni si ribaltano e gli inquisitori diventano inquisiti. Il matto assume comportamenti tipici della polizia, utilizza gli stessi modi e le stesse parole: “Il nostro mestiere è quello di interrogare gli indiziati, e, per poterli far parlare, ogni tanto bisogna ricorrere a stratagemmi, trappole, e qualche violenza psichica” - sostengono i due - e il matto prontamente si adegua alle loro indicazioni e ammissioni. In poco tempo riesce, torchiandoli e ingannandoli, a indurli al cosiddetto “raptus improvviso”, per poi bloccarli sul parapetto della finestra. La sua capacità di sdoppiarsi va ancora oltre: incarna ora il poliziotto ‘buono’ ora il ‘cattivo’, li aggredisce e poi blandisce, li accusa, li fa sentire abbandonati dai superiori, e, infine, si professa intenzionato ad aiutarli. Completamente confusi i due sono ormai pronti ad assecondarlo, si rendono ridicoli, balbettano scuse da bambini e arrivano ad avvallare le dichiarazioni e le ricostruzioni più assurde… Ma nemmeno la fantasia di un premio nobel e del suo matto riescono a superare la capacità inventiva delle forze dell’ordine.

MORTE ACCIDENTALE DI UN ANARCHICO

di Dario Fo
regia di Ferdinando Bruni e Elio De Capitani
scene e costumi di Carlo Sala
con Eugenio Allegri, Luca Toracca, Paolo Pierobon, Giovanni Palladino, Mercedes Martini, Luca Altavilla
produzione Teatridithalia

Altri spettacoli in scena

Chiara Stoppa

Grate

Sala Bausch
30 novembre / 5 dicembre 2021

Acquista

Grate

Carrozzeria Orfeo

Miracoli metropolitani

Sala Shakespeare
30 novembre / 30 dicembre 2021

Acquista

Miracoli metropolitani

César Brie

Nel tempo che ci resta

Elegia per Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Sala Fassbinder
1 / 19 dicembre 2021

Acquista

Nel tempo che ci resta

Controcanto Collettivo

Settanta volte sette

Sala Bausch
7 / 12 dicembre 2021

Acquista

Settanta volte sette
Progetto web realizzato da Mentelocale Web Srl
su progetto grafico di Plum design

Biglietteria online in collaborazione con
Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK