Teatro dell'Elfo

10 maggio / 8 giugno 1996

Ida Marinelli

Madame De Sade

di Yukio Mishima

regia Ferdinando Bruni

Prima nazionale

Info
<>
Gallery Stagione 1995/1996 Edizioni 1995-1996 1996-1997 1997-1998
Lo spettacolo La locandina

Ad affascinare Mishima è il mistero di Renée, coniugata De Sade, che dopo vent’anni di caparbia attesa del marito recluso, prossima al ricongiungimento, rifiuta di riceverlo. Il testo cerca di penetrare il paradosso di un’ossessione amorosa attraverso un dialogo lucido e rigoroso in cui idee e sentimenti confliggono, illuministicamente dissezionati dal contrappunto di sei voci femminili. La madre Signora di Montreuil con le figlie Renée e Anne-Prospère, a cui Mishima aggiunge i personaggi fittizi della baronessa di Simiane, della contessa di Saint-Fond e della serva Charlotte. Su di loro aleggia, perennemente evocata, la presenza del Divino Marchese con il suo strascico di crudeltà ed erotismo in quello che Mishima ha definito “un saggio su De Sade considerato dalle donne”. Ferdinando Bruni silhouetta le maschere stilizzate dei sei personaggi in uno spazio rosso cupo su cui si spalancano pannelli semovibili e intesse, con l’ausilio della coreografa Adriana Borriello, una liturgia di gesti che sottende l’evoluzione squisitamente intellettuale della protagonista. Una serie di colpi di scena avvince l’attenzione del pubblico, mentre la violenza sotterranea del testo è confinata alla sua lussureggiante verbosità.

MADAME DE SADE

di Yukio Mishima
Regia, scene e costumi Ferdinando Bruni
movimento delle attrici Adriana Borriello
luci Nando Frigerio
suono Renato Rinaldi
con Ida Marinelli, Corinna Agustoni
produzione Teatridithalia

Altri spettacoli in scena

Chiara Stoppa

Grate

Sala Bausch
30 novembre / 5 dicembre 2021

Acquista

Grate

Carrozzeria Orfeo

Miracoli metropolitani

Sala Shakespeare
30 novembre / 30 dicembre 2021

Acquista

Miracoli metropolitani

César Brie

Nel tempo che ci resta

Elegia per Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

Sala Fassbinder
1 / 19 dicembre 2021

Acquista

Nel tempo che ci resta

Controcanto Collettivo

Settanta volte sette

Sala Bausch
7 / 12 dicembre 2021

Acquista

Settanta volte sette
Progetto web realizzato da Mentelocale Web Srl
su progetto grafico di Plum design

Biglietteria online in collaborazione con
Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK