Sala Fassbinder

18 / 23 febbraio 2014

Tindaro Granata

Invidiatemi come io ho invidiato voi

scritto e diretto da Tindaro Granata

Durata: 1 ora e 30 minuti senza intervallo

Info
Stagione 2013/2014
Lo spettacolo La locandina

Dopo il felice esito di Antropolaroid, applaudito come "una delle rivelazioni teatrali più interessanti" della stagione passata, Tindaro Granata, torna all'Elfo Puccini con il nuovo spettacolo Invidiatemi come io ho invidiato voi che ha debuttato al Festival delle Colline Torinesi 2013.
Il testo è basato su una storia vera, racconta il trentaquattrenne attore siciliano "ma il riferimento che c'è sotto è puramente metaforico".
Ispiratosi a un caso di pedofilia accaduto qualche anno fa in provincia di Perugia, Granata non si limita alla restituzione della vicenda giudiziaria o alla denuncia, ma cerca di far emergere, con la sensibilità che lo contraddistingue come regista e interprete, i moti interiori e i sentimenti che muovono i protagonisti: vittime e carnefici.

Quando sono sul tram o in metropolitana, ascolto la gente. Per la strada, guardo la gente. A volte, guardando e ascoltando mi rivedo in ciò che guardo e sento almeno 32 parole che utilizzerò, o che ho utilizzato, quel giorno. Mi blocco. Sono come loro! Quest'idea, mi blocca. In questo fermo, sto appeso ad un filo tristanzuolo. Sgocciolo che siamo gente sola, che lottiamo troppo troppo per noi stessi e troppo poco per gli altri, uccidendo quell'organo che sta tra la valvola tricuspide e la valvola aortica. Stiamo morendo per far vivere i nostri desideri, dimenticando come sia bello vivere per far vivere i desideri degli altri.
Egoismo genera Solitudine…
Solitudine genera Invidia…
Invidia genera Infelicità.
Infelicità cerca Felicità per infilzarla; Felicità si nasconde, ha paura. Infelicità spinge gli uomini a cercare Felicità in "Ogniccosa". "Ogniccosa" è composta da "Ogni" e da "Cosa", una è bianca e l'altra è nera; insieme diventano: Invidiatemi come io ho invidiato voi.
Tindaro Granata

INVIDIATEMI COME IO HO INVIDIATO VOI

scritto e diretto da Tindaro Granata
scene e costumi Eliana Borgonovo
elaborazioni musicali Marcello Gori
disegno luci Matteo Crespi
con Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Paolo Li Volsi, Bianca Pesce, Francesca Porrini, Giorgia Senesi
voce fuori campo Elena Arcuri
produzione BIBOteatro e Proxima Res
Premio Fersen 2013 per la Regia
Tindaro Granata: Premio Mariangela Melato 2013 come attore emergente

Altri spettacoli in scena

Alessandro Maione, Filippo Quezel

Cercivento

Sala Bausch
15 / 28 novembre 2021

Acquista

Cercivento

Arturo Cirillo

Orgoglio e Pregiudizio

Sala Shakespeare
23 / 28 novembre 2021

Acquista

Orgoglio e Pregiudizio

Giorgina Pi

Tiresias

Sala Fassbinder
23 / 28 novembre 2021

Acquista

Tiresias

Chiara Stoppa

Grate

Sala Bausch
30 novembre / 5 dicembre 2021

Acquista

Grate
Progetto web realizzato da Mentelocale Web Srl
su progetto grafico di Plum design

Biglietteria online in collaborazione con
Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK