Teatro dell'Elfo

3 / 15 marzo 2009

Roberto Valerio

Il vantone

di Pier Paolo Pasolini

Prima nazionale - Durata: 1 ora e 20 minuti

Info
Stagione 2008/2009
Lo spettacolo La locandina

Questa versione di Pasolini del celebre Miles Gloriosus è qualcosa di più di una semplice traduzione: è un rifacimento che attualizza l’universo plautino, traslando il contesto più che la parola del grande commediografo; o se si vuole una traduzione “artistica” che reinventa, inserisce personaggi popolari e di quartiere, concretizza un mondo fatto di macchiette creando un gioco teatrale parallelo a quello di Plauto. La pulsante vitalità del parlato rivive attraverso diversi livelli linguistici e stilistici: in primo luogo il dialetto, non quello ‘letterarizzato’ che troviamo in Ragazzi di vita e Una vita violenta, ma una sua forma mutuata dal Belli e poi mediata dal palcoscenico, dal variegato mondo dell’avanspettacolo.

«Che in Italia esista un teatro analogo a quello in cui fondava le sue prepotenti radici il lavoro di Plauto, è cosa da mettere senza esitazione in dubbio - scriveva Pasolini nel 1963 nel commento alla prima edizione del Vantone. Per che palcoscenico, dunque, per che spettatori traducevo io? Dove potevo trovare una sede dotata di tanta assolutezza, di tanto valore istituzionale? Nel teatro dialettale, sì, ma il testo di Plauto non era dialettale. Del teatro corrente ad alto livello, in lingua, mi faceva (e mi fa) orrore il birignao. Beh, qualcosa di vagamente analogo al teatro di Plauto, di così sanguignamente plebeo, capace di dar luogo a uno scambio altrettanto intenso, ammiccante e dialogante, tra testo e pubblico, mi pareva di poterlo individuare forse e soltanto nell’avanspettacolo. È a questo, è alla lingua di questo, che, dunque, pensavo - a sostituire il “puro“ parlato plautino. Ho cercato di mantenermi, il più squisitamente possibile, a quel livello. Anche il dialetto da me introdotto, integro o contaminato, ha quel sapore. Sa più di palcoscenico che di trivio. Anche la rima vuole avere quel tono basso pirotecnico, e nondimeno di protezione dell’aristocraticità sostanziale, della letterarietà di Plauto. Il nobilissimo “volgare”, insomma, contagiato dalla volgarità direi fisiologica del capocomico... della soubrette... (Ma nel fondo, a protezione della sua aristocraticità sostanziale, della sua letterarietà, ecco l’ombra dei doppi settenari rimati di una tradizione comica riesumata sotto il segno di Molière)».

Roberto Valerio, attore non ancora quarantenne, ha lavorato con i più importanti nomi del teatro italiano da Gabriele Lavia a Luca De Filippo, da Cesare Lievi a Massimo Castri, Umberto Orsini e Lina Wertmuller. Torna a collaborare con Teatridithalia in qualità di regista, riprendendo un percorso che era iniziato nel 2001 con Woyzeck e il futuro del male di Rocco D’Onghia e Bambole di Pia Fontana, proseguito nel 2002, nell’ambito del Festival dedicato a R.W. Fassbinder, con la lettura scenica di Per un pezzo di pane e nel 2003 con Le donne di Trachis, nella versione di Ezra Pound delleTrachinie di Sofocle. Recentemente ha anche curato per l’Associazione culturale Il Padiglione Ludwig Piagnistei di Berkoff, Il bicchiere della staffa e L’amante di Pinter,Lezioni di cucina di un frequentatore di cessi pubblici di D’Onghia e Intermezzi di Cervantes.

IL VANTONE

di Pier Paolo Pasolini
regia Roberto Valerio
con Francesco Feletti, Massimo Grigò, Roberta Mattei, Michele Nani, Nicola Rignanese, Roberto Valerio
progetto scenico Giorgio Gori
luci Emiliano Pona
costumi Lucia Mariani
produzione Teatridithalia/Associazione Teatrale Pistoiese

Altri spettacoli in scena

Emiliano Brioschi

Life

Sala Bausch
14 / 18 giugno 2021

Acquista

Life

Bruni/Frongia

Il seme della violenza

The Laramie Project

Sala Shakespeare
7 giugno / 2 luglio 2021

Acquista

Il seme della violenza

Nicola Russo

Anatomia comparata

(una festa per il mio amore)

Sala Fassbinder
7 / 30 giugno 2021

Acquista

Anatomia comparata

Fabio Banfo

Alfredino

l'Italia in fondo a un pozzo

Sala Bausch
21 / 25 giugno 2021

Acquista

Alfredino
Progetto web realizzato da Mentelocale Web Srl
su progetto grafico di Plum design

Biglietteria online in collaborazione con
Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK