Sala Bausch

18 / 27 novembre 2022

Phoebe Zeitgeist

Torquato Tasso

una discesa nel verso

dal dramma di Johann Wolfgang Goethe

regia Giuseppe Isgrò

DURATA: 2 ore + intervallo - Prima Nazionale

Info
Stagione 2022/2023
Lo spettacolo La locandina

Il primo poeta cortigiano che, sotto la lusinga del potere, impazzisce. Un individuo fragile, ipersensibile, frenetico, interpretato da Daniele Fedeli. La musicalità del verso di Goethe trova corrispondenza nella dimensione sonora dello spettacolo che incarna la tensione del poeta con la realtà, l’onda psichica ed emotiva.

«Immaginate di ritrovare il Tasso nel pieno del suo delirio, come accadde quando fu recluso nell'Ospedale di Sant'Anna a Ferrara, devastato dagli accadimenti appena trascorsi.
Ma quello che vediamo non è un ospedale, è il teatro, è il palcoscenico, è un attore che lotta con i versi, col pubblico, con se stesso, invasato dalle figure che hanno determinato il suo impazzimento. I versi di Goethe fluiscono ripensati come una allucinata visione parossisticamente interiorizzata e che al tempo stesso esplode, musicale e straziante, in un viaggio d’arte estremo ed spettacolare, in cui l’attore/poeta stesso, solo in scena, fa risuonare tutte le voci - e lo stridore che queste voci hanno creato nell'animo del poeta che ne hanno infine sovrastato il verso: quelle del paterno Alfonso Duca di Ferrara, del freddo, controllato e strategico Antonio Segretario di Stato, della seduttiva Contessa Lenora Sanvitale e quella beatamente incantata della Principessa Lenora d'Este, oggetto dell'amore squilibrato del poeta.
Ci si cala nel linguaggio affascinante del dramma di Goethe, ne percepiamo tutte le proprietà e qualità, il comico e il tragico, la potenza puramente fonetica e quella carnale di ciascuna parola. Un unico attore, Daniele Fedeli, perennemente in mutazione, sempre al limite del baratro, che si fa carico dare vita fino in fondo a questa discesa dall’eliseo agli inferi del verso finché:

"Tutto è svanito ma una cosa resta:
La natura ci ha donato le lacrime
Ci ha donato il grido, quando il dolore diventa insopportabile.

Ma sopra ogni cosa a me ha lasciato, nel tormento,
Parole melodiose con cui lamentare
Il profondo gorgo dell'angoscia:

e se nel dolore l'uomo ammutolisce
A me un dio ha concesso di dire quanto soffro."»

Elio De Capitani

TorquatoTasso una discesa nel verso

dal dramma di Johann Wolfgang Goethe

ideazione e regia Giuseppe Isgrò

drammaturgia Francesca Marianna Consonni, Giuseppe Isgrò

con Daniele Fedeli

sound Shari DeLorian, visuals Luca Intermite, voce off Giovanni Franzoni

in video Francesca Frigoli, Maria Bacci Pasello, cura del progetto Francesca Marianna Consonni

immagine Francesca Frigoli, assistenza scene e costumi Danilo Vuolo

produzione Teatro dell’Elfo

in collaborazione con EstroTeatro (Trento), con il sostegno di Terzo Paesaggio, Odemà, Teatro Chisciotte (Montecelio)

Altri spettacoli in scena

Teste inedite

ECCEZIONI ALLA LEGGE DI MOORE

Sala Bausch
27 / 28 giugno 2024

Acquista

ECCEZIONI ALLA LEGGE DI MOORE

Teste inedite

CHANGING

Sala Fassbinder
27 / 28 giugno 2024

Acquista

CHANGING

Le Crisalidi

Dietro e oltre

Storie a due voci

Sala Shakespeare
27 / 28 giugno 2024

Acquista

Dietro e oltre

Solocanto

L’arte di ascoltare i battiti del cuore

Sala Shakespeare
Sabato 29 Giugno 2024 ore 20:30

Acquista

L’arte di ascoltare i battiti del cuore
Progetto web realizzato da Mentelocale Web Srl
su progetto grafico di Plum design

Biglietteria online in collaborazione con