Teatro dell'Elfo

6 / 30 marzo 2006

Elio De Capitani

Amleto

di William Shakespeare

Info
Stagione 2005/2006 Edizioni 1994-1995 1995-1996 1996-1997 1998-1999 2005-2006
Lo spettacolo La locandina Scopri di più

È l’ultima versione di un lungo lavoro a tappe che vede Elio De Capitani e la compagnia dell'Elfo tornare più volte alla corte di Elsinor. Uno spettacolo che ha acquisito di stagione in stagione pienezza e consapevolezza, ottenendo bellissimi successi. A proposito del ‘grande gioco di Shakespeare’, che ha impegnato il regista per tanti anni, De Capitani scriveva nel 2003: «Oggi che l’Europa c’è e ci manca al tempo stesso, urge ristorarsi nelle poche cose che danno conto della nostra vera identità. Shakespeare è un porto e un’ancora. Shakespeare è una libertà. Consigliamo Shakespeare per ricordarci di essere (stati?) capaci di un pensiero profondo e al tempo stesso di una straordinaria leggerezza». I drammi di Shakespeare vivono lungo i confini, scegliendo l'ibridazione dei generi e la polifonia, in modo da complicare qualsiasi univocità prospettica. Dunque il confronto dell'Elfo con i fondamenti del teatro occidentale moderno - dopo le tre versioni di Sogno di una notte di mezza estate, dopo Il mercante di Venezia e la recentissima Tempesta - riprende da Amleto: un laboratorio, un paradigma con il quale confrontarsi costantemente, uno specchio di fronte al quale riflettersi e grazie al quale riflettere sul teatro e la sua capacità d'indagare l'essere umano e il mondo.
Nel primo allestimento (marzo '94) Amleto era parente stretto di una generazione di arrabbiati, figlio tormentato del Novecento che, rompendo con la propria epoca, compiva un atto di irriducibile rivolta contro il grigiore della realtà. Quasi fosse maturato nel corso delle successive messinscene, il protagonista prende ora a riflettere sulla sua dolorosa inadeguatezza, fino a scoprire i limiti dell'agire umano, della libertà individuale e le implicazioni morali del potere, sia che lo si persegua sia che vi si rinunci. Amleto porta in sé dubbi, esitazioni e conflitti, ma tutto ciò, infine, non lo esime dal macchiarsi di delitti insensati. Ed è lo scontro senza esclusione di colpi con Claudio che lo conduce in questa direzione: re Claudio è una forza di vita primigenia, barbara, incandescente, forza del piacere che persegue il potere; è uno dei più maturi villain shakespeariani, non accetta la condizione di cadetto, fratello del re e zio di Amleto, e vuole pervicacemente potere, letto regale e corona, contrapponendo ai dubbi morali del principe la ricerca di un'edonistica pienezza, capace di appagarlo. Ma il rapporto tra intenzione, azione e risultato sarà fallimentare per entrambi i contendenti.
Ferdinando Bruni è interprete di Amleto anche in quest'edizione, Ida Marinelli è la regina Gertrude, mentre il ruolo di Claudio viene assunto dallo stesso regista, Elio De Capitani, così da ridefinire i cruciali rapporti tra i tre. Elena Russo Arman è Ofelia, una bambina/donna di ambigua doppiezza, figlia della spregiudicata prudenza di Polonio, interpretato da Luca Toracca.
In questo allestimento una luce diversa illumina quindi i conflitti che permeano il dramma: non solo per i riflessi che i personaggi assumono grazie a nuovi interpreti e alla maturazione della compagnia, ma anche per i cambiamenti epocali occorsi in questi anni.
Dunque Amleto, con la sua stratificazione di significati, il suo interrogarsi senza proporre soluzioni inequivocabili o stabili, ci fa riflettere anche sul nostro nuovo, mutato presente: Cesare Garboli, recentemente scomparso, lavorò alla traduzione di questa «tragedia di ferro, tragedia soldatesca e guerriera», considerando che dovesse, paradossalmente, la sua attualità «proprio alla sua mancanza di modernità e alle sue radici barbariche».

AMLETO

di William Shakespeare
traduzione Cesare Garboli
regia di Elio De Capitani
con Ferdinando Bruni, Elio De Capitani, Ida Marinelli, Elena Russo Arman, Luca Toracca, Corrado Accordino, Marco Cacciola, Fabiano Fantini, Alessandro Genovesi, Massimo Giovara, Nicola Russo
scene di Carlo Sala
luci di Nando Frigerio
colonna sonora di Renato Rinaldi - suono di Jean-Christophe Potvin
una produzione TEATRIDITHALIA

foto Bruna Ginammi

Altri spettacoli in scena

Carolina Cametti

Bob Rapsodhy

Sala Bausch
26 ottobre / 7 novembre 2021

Acquista

Bob Rapsodhy

Elio De Capitani, Ferdinando Bruni

Diplomazia

Sala Shakespeare
14 ottobre / 14 novembre 2021

Acquista

Diplomazia

Ida Marinelli

Robert e Patti

Sala Fassbinder
19 ottobre / 14 novembre 2021

Acquista

Robert e Patti

Walking in fabula

FANTASMI

Atelier di Teatro intorno a l’antologia di Spoon River di E.L. Masters

Fabbrica del Vapore
28 ottobre 2021 / 15 giugno 2022

Info

FANTASMI
Progetto web realizzato da Mentelocale Web Srl
su progetto grafico di Plum design

Biglietteria online in collaborazione con
Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK