ELFO PUCCINI: Miracoli metropolitani

  • Miracoli metropolitani

Dopo Thanks for Vaselina e Animali da Bar, testi più esistenzialisti, e Cous Cous Klan, il più distopico, Miracoli metropolitani è invece quello più politico, in cui il calco umano e drammatico risulta essere più profondo. L’alimentazione, il rapporto con il cibo come forma di compensazione al dolore, come alienazione di un Occidente decadente e sovralimentato, sempre più distratto e imprigionato dai suoi passatempi superflui, la questione ambientale, la solitudine e la responsabilità: sono questi i temi attorno ai quali di sviluppa il mondo di Miracoli metropolitani.

È il racconto di una solitudine sociale e personale dove ogni uomo, ma in fondo un’intera umanità, affronta quotidianamente quell’incolmabile vuoto che sta per travolgere la sua esistenza. Siamo di fronte al disfacimento di una civiltà, alla dissoluzione delle relazioni e dell'amore inteso in tutte le sue accezioni, all’azzeramento del ragionamento e del vero 'incontro' a favore di un’insensata autoreclusione nel mondo parallelo di Internet, pericoloso sostituto del mondo reale. Il risultato è quella solitudine esistenziale che come dirà la lavapiatti del locale: «è un’avversaria molto più temibile dell’Isis…».
Uno spettacolo dove si ride tanto, ma dove non si sta ridendo affatto.
Gabriele Di Luca

↑ torna su ↑
• Orari: mar-sab 20:30 / dom 16:30
Prezzi: intero € 33 / rid. <25 anni - >65 anni € 17.50 / under 18 € 13.50 / scuole € 12
.