ELFO PUCCINI: I libri che riscaldano il cuore

Tre personaggi, tre protagonisti. C`è il professore, un Elio De Capitani a dir poco strepitoso. C`è il suo assistente, un grande Corrado Accordino. E poi c`è una studentessa universitaria, la bravissima Elena Russo Arman. "Libri da ardere" di Amélie Nothomb diretto dall`elegante regia di Cristina Crippa, di scena al Teatro dell`Elfo fino al 31 dicembre, è uno spettacolo delizioso a cominciare dalla scelta di far recitare agli stessi attori le didascalie del testo. I tre si divincolano tra titoli di libri e autori totalmente inventati che bene rendono quell`aspetto grottesco insito nell`unico lavoro teatrale della Nothomb che si svolge tutto in un microcosmo al di fuori di ogni realtà. L`unico rimando al reale è la parvenza di una guerra che si svolge fuori dalla stanza ma che poi perde importanza rispetto alle azioni e alle elucubrazioni dei personaggi annientati da un freddo interiore. Assolutamente da vedere.

.