ELFO PUCCINI: diplomazia

Il generale Dietrich von Choltitz, governatore di Parigi durante l'occupazione nazista, e il console svedese Raoul Nordling, si fronteggiano in uno scontro verbale senza esclusione di colpi nella notte tra il 24 e il 25 agosto 1944. Il tedesco ha l'ordine di radere al suolo la città prima della ritirata, ma il diplomatico userà tutta la sua arte retorica per convincerlo a disobbedire all'ordine del führer. Due ruoli perfetti per Elio De Capitani e Ferdinando Bruni – rispettivamente nei panni del generale e del console svedese – che tornano a ‘sfidarsi' sul palco, dopo il confronto/scontro che li aveva visti protagonisti di Frost/Nixon e dopo quello del Vizio dell'arte dove interpretavano i due ‘vecchi amici' Britten e Auden.

A completare il cast Michele Radice, Alessandro Savarese, Simon Waldvogel. Il testo di Ciril Gely, debuttato nel 2011 al Théâtre de la Madeleine di Parigi e portato al cinema sull'onda del successo da Volker Schlöndorff, delinea due bellissimi personaggi e offre ai registi la materia viva per un affondo nella storia del secolo breve. E sul palcoscenico dell'Elfo la storia si trasforma in un racconto epico ed emozionante che mette in gioco la libertà, il destino e le responsabilità individuali.

testa
LAC Lugano (CH) 10 - 11 marzo 2020
Teatro Elfo Puccini Milano (MI) 13 marzo - 9 aprile 2020
.