ELFO PUCCINI: Atti Osceni

Potremmo definirlo un racconto biografico, un legal thriller ambientato nel 1895 alla Corte di Londra, scandito da una frase lapidaria: 'la Regina contro Oscar Wilde'. Ma in primo luogo Atti osceni è un rito teatrale in cui si parla di arte, di libertà, di teatro, di sesso, di passione.

Otto interpreti per molti ruoli - i testimoni, gli avvocati, gli accusatori, gli 'sciagurati' compagni di bisboccia e il pubblico - e al centro Giovanni Franzoni, «un attore di rara intensità, che ricrea la personalità dello scrittore con una penetrazione inquietante e ricca di sfumature, facendone un personaggio vivo». E nello spettacolo di Bruni e Frongia il processo allo scrittore irlandese diventa il processo a qualunque artista proclami con forza l'assoluta anarchia della creazione.

testa
.