ELFO PUCCINI: L'importanza di chiamarsi Ernesto

Il capolavoro di Oscar Wilde torna in scena nella regia divertita e complice di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia: un successo del 2017 che restituisce tutta l'allegra cattiveria di questa 'commedia frivola per gente seria'. Qui, più ancora che in altri testi, l'ironia caustica del grande autore irlandese riesce a svelare la falsa coscienza di una società che mette il denaro e una rigidissima divisione in classi al centro della propria morale. L'espediente più usato è il rovesciamento paradossale del senso, che, a una prima lettura, sembra preannunciare il teatro dell'assurdo. In realtà Wilde è più che mai impegnato a 'smontare', con sorridente ferocia, i luoghi comuni su cui si fonda ogni solida società borghese.

La regia, che rievoca nei costumi e nelle citazioni musicali la swinging London degli anni Sessanta, «è sostenuta da tutti gli attori, capaci di far riverberare ogni battuta, chiusi in personaggi sopra le righe che dicono il nulla e hanno questo nulla come sostanza. Si nutrono di paradossi, divorano parole con ritmo incalzante, si aggrovigliano nella trama per poi districarsene con lievità in questa sarabanda assurda, esilarante specchio di una società vacua e spietata che costò l'ostracismo, la galera e la vita a Wilde».

↑ torna su ↑
• Orari: mar-sab 20:30 / dom 16:00
• Durata: 120' + intervallo
Prezzi: intero € 33 / martedì posto unico € 22 / rid. <25 anni - >65 anni € 17 / under 18 € 12 / scuole € 12
• È valido l'abbonamento Invito a Teatro - tagliando Elfo Puccini
Repliche per le scuole
.