ELFO PUCCINI: Un eschimese in Amazzonia

Un eschimese in amazzonia, l'ultimo spettacolo della Trilogia sull'Iidentità di The Baby Walk, pone al centro il confronto tra la persona transgender (l'Eschimese) e la società (il Coro), fino ad arrivare al paradosso che l'Eschimese si stanca di raccontare sé stesso. La società segue le sue vie strutturate e l'eschimese si trova, letteralmente, a improvvisare, perché la sua presenza non è prevista.
Il Coro parla all'unisono, attraverso una lingua musicale e ritmata, quasi versificata, utilizza una gestualità scandita, delineando i caratteri di una società ipnotica, veloce, superficiale, a rischio di spersonalizzazione. Anche l'Eschimese è parte degli stessi stereotipi della sua contemporaneità, anzi nella sua stand up comedy è personaggio autentico proprio perché vive e rappresenta la propria inautenticità. Si sforza di avere una visione soggettiva, ma anche la sua è, a ben guardare, infarcita di luoghi comuni e spersonalizzata.

«Divertente, acuto, disincantato – ha scritto Sara Chiappori sulla Repubblica - questo spettacolo è un'ipotesi di sconfitta che non rinuncia alla ribellione. Ferracchiati, personalità schiva con qualcosa di selvatico, non ama apparire, ma in scena ha una luce speciale, qualcosa di magnetico. […] Ferracchiati sceglie l'ironia come esercizio dell'intelligenza applicata alle possibilità del teatro e all'invenzione di una drammaturgia antinarrativa che introietta e restituisce il cortocircuito della narrazione contemporanea».

↑ torna su ↑
• Orari: sab 19:30 / dom 15:30
• Durata: 65'
Prezzi: intero € 32.50 / martedì posto unico € 21.50 / rid. <25 anni - >65 anni € 17 / under 18 € 12 / scuole € 12

In questa serie:
Peter Pan guarda sotto le gonne
Stabat Mater
Un eschimese in Amazzonia
.