ELFO PUCCINI: Delirio bizzarro

Un trittico di spettacoli della compagnia Carullo e Minasi, artefice «dell'ultima, piccola rivoluzione delle scene teatrali italiane. Una rivoluzione – si legge nelle motivazioni del Premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro 2017 – in punta di piedi e sempre con il sorriso sulle labbra, con cui i due artisti hanno unito idealmente Scilla e Cariddi, per conquistare l'intera Penisola facendo ricorso a un'arma antica, ma persuasiva, come il dialogo».

Con Delirio Bizzarro, spettacolo del 2016, la compagnia ha sperimentato una nuova forma di elaborazione drammaturgica, partendo dalle domande sottoposte a pazienti di strutture psichiatriche, inchieste in forma anonima che hanno consentito di raccogliere spunti di vita vissuta.
Ne è nato uno spettacolo che racconta un incontro in una terra di frontiera, il Centro Diurno di Salute Mentale “il Castello”, in cui il confine tra coloro che stanno dentro e coloro che stanno fuori sfuma in un indistinto resistere tra protocolli da rispettare e vite da normalizzare.
Il “Castello” rimbomba dei dialoghi di due solitudini, nella logica d’un mondo che continua a categorizzare e che quindi esclude. Né pazzi né sani, Mimmino e Sofia si confrontano in scena in un dialogo serrato - braccio di ferro tra due esperienze di vita completamente opposte - per scoprirsi simili, umani, sorridenti, autoironici, sebbene parti inconsapevoli di un sofisticato meccanismo congegnato per rendere l’uomo prigioniero di sé stesso.

↑ torna su ↑
• Orari: sab 19:30 / dom 15:30
• Durata: 60'
Prezzi: intero € 32.50 / martedì posto unico € 21.50 / rid. <25 anni - >65 anni € 17 / under 18 € 12 / scuole € 12

In questa serie:
De revolutionibus
Due passi sono
Delirio bizzarro
.