ELFO PUCCINI: Afghanistan: il grande gioco

Calendario23 - 28 ott30 ott - 4 nov6 - 11 nov13 - 18 nov19 - 25 nov
martedìEnduring freedomIl grande giocoEnduring freedomEnduring freedomIl grande gioco
mercoledìEnduring freedomIl grande giocoEnduring freedomEnduring freedomEnduring freedom
giovedìEnduring freedomIl grande giocoEnduring freedomEnduring freedomEnduring freedom
venerdìEnduring freedomIl grande giocoIl grande giocoIl grande giocoEnduring freedom
sabatoEnduring freedomEnduring freedomIl grande giocoIl grande giocoIl grande gioco
domenicaMaratonaEnduring freedomMaratonaMaratonaMaratona
ORARI: mar-sab 20:30 / dom 16:00 / lun riposo | Maratona: Il grande gioco 16:00 + Enduring freedom 20:00 | Maratona 25 novembre: Il grande gioco 11:30 + Enduring freedom 15:30

Il grande gioco ed Enduring freedom: due spettacoli che attraversano due secoli per raccontare i complessi rapporti tra l'Occidente e l'Asia Centrale. Un viaggio avventuroso, crudele e poetico lungo la storia dell'Afghanistan e di un'area che si estende dall'India all'Iran e che ci riguarda molto da vicino.
Le cinque storie che compongono Il grande gioco ci conducono nell'Oriente sognato e romanzesco dei resoconti dei primi esploratori, per poi immergerci nelle atmosfere notturne di un melodramma noir, fino a farci precipitare in un clima da guerra fredda.

Invasione e indipendenza 1842-1930

TROMBE ALLE PORTE DI JALALABAD di Stephen Jeffreys
Ambientato nel 1842, nel corso della prima guerra anglo-afghana, lungo le mura della città di Jalalabad, dove alcuni soldati inglesi sono di guardia nella notte sperando di avvistare qualche superstite della Grande Armata dell'Indo che, ormai decimata, si sta ritirando da Kabul. Un solo sopravvissuto, stremato dalla fame e dal freddo, raggiungerà la guarnigione inglese.

LA LINEA DI DURAND di Ron Hutchinson
L'emiro Abdhur Raham e Sir Henry M. Durand nel 1893 si incontrano per discutere la proposta inglese di tracciare un confine tra l'Afghanistan e l'India Britannica.
Per l'inglese, fiducioso nel progresso, «guardare una mappa è dare forma al mondo… Per il vostro paese vogliamo che ci sia ordine - propone all'emiro - tutto qui».
Ma l'emiro si oppone all'”industriosità dell'uomo moderno” e alle sue pretese scientifiche, facendone emergere le contraddizioni: «è una specie di magia quella in cui credete, con queste mappe. Vi supplico, non cercate di forzare il mondo in una forma che non può prendere».

QUESTO E IL MOMENTO di Joy Wilkinson
Amannullah Khan, re dell'Afghanistan dal 1919-1929, la regina Soraya Tarzi, suo padre, Mahamud Tarzi, amico e consigliere di Amannullah, e il loro autista sono in fuga verso un aeroporto dove un aereo dovrebbe attenderli per scappare in Europa. La macchina è in panne e cresce il timore di tradimenti e imboscate, facendo emergere le tensioni della coppia e dei due uomini politici.

Il comunismo, i Mujāhidīn e i Talebani 1979-1996

LEGNA PER IL FUOCO di Lee Blessing
Spy story che contrappone il direttore della CIA a Islamabad e il direttore dell'Intelligence del Pakistan in un incontro per trattare la fornitura di armi ai capi tribù della zona.

MINIGONNE DI KABUL di David Greig
Intervista immaginata o sognata tra una scrittrice e Najibullah, presidente dell'Afghanistan tra il 1987 e il 1992, ucciso in modo atroce dal Talebani quando conquistarono Kabul.

↑ torna su ↑
• Orari: mar-sab 20:30 / dom 16:00 / dom 25 11:30
• Durata: 155' + 15' di intervallo
Prezzi: intero € 32.50 / martedì posto unico € 21.50 / rid. <25 anni - >65 anni € 17 / under 18 € 12 / scuole € 12 - ATTENZIONE: Gli abbonamenti PRIMA SETTIMANA sono validi per tutte le date di "Afghanistan: il grande gioco" e "Afghanistan: enduring freedom", senza il limiti delle prime 6 repliche.
Repliche per le scuole

In questa serie:
Afghanistan: il grande gioco
Afghanistan: enduring freedom
.