ELFO PUCCINI: Malagrazia

  • Malagrazia

La grazia che santifica, la grazia che libera, la grazia che uccide. Il grande disegno, l'elevazione di sé al di sopra di sé, la fuga dell'uomo dal corpo che per realizzarsi ha bisogno del sangue degli ultimi, dei reietti, dei topi.
Due fratellini orfani alle prese con le paure dell'infanzia, il desiderio di diventare grandi e la solitudine del volo; si inventeranno mondi passati e presenti, alle prese con pestilenze immaginarie e doveri di stato, fino alla ricerca ultima delle loro origini. In un territorio sospeso, animato da presenze affilate e pericolose, attraversando situazioni cangianti e identità impossibili e dolorose, ciò che resta a queste creature isolate per andare avanti, non è altro che il desiderio di un'identità che plachi le eterne tensioni fra l'alto e il basso, fra il superno e l'infimo. Fino alle tragiche istanze finali.
L'oblio delle scelte fatali. Questo è il luogo dove si sviluppa malagrazia, il nuovo lavoro di Phoebe Zeitgeist che mette in scena la vertigine emotiva di un'umanità dilaniata dalla paura di restare sola con sé stessa.

↑ torna su ↑
• Orari: ven-sab 19:30 / dom 15:30
Prezzi: posto unico € 15

In questa serie:
Malagrazia
Maledetta metropoli
Stabat Mater
Le vacanze dei signori Lagonia
Cannibali
Bandierine al vento
XY
.