ELFO PUCCINI: Fuga in città sotto la luna

«Diceva Groddeck, psicanalista irregolare e sgangherato, che è utile ogni tanto mettere la testa fra le gambe e guardare il mondo sottosopra. Ma può anche bastare assumere lo sguardo di un altro, cosa che a noi attori viene semplice. E cosa può essere meglio per me di questa vecchia cagna moribonda che vuole, col poco fiato che ancora le resta, narrare alla sua ultima cucciolata la più bella storia della sua vita?
Tale è la protagonista di Favola di Tommaso Landolfi: non ha nome, parla in prima persona, e questo facilita assai il gioco teatrale, cioè la mia trasformazione nella narratrice. Una cagna umana, troppo umana, ma il suo essere comunque 'altra' mette a fuoco le stranezze nel comportamento dei padroni e le profonde discrepanze nei codici di comunicazione.
Io e la femmina di cane vorremmo farvi udire, cari spettatori, anche un'altra storia assai divertente. Lo facciamo in compagnia di un lupo mannaro mite e gentile, ben disposto e curioso che, morso da un umano rabbioso, in una notte di plenilunio si trasforma in un uomo. Il padre di questa simpatica creatura è Boris Vian, mentre chi si infilerà negli allampanati e mutevoli panni del lupo è Gabriele Calindri».
Cristina Crippa

↑ torna su ↑
• Orari: lun-ven 21:00
• Durata: 70'
Prezzi: intero € 32.50 / martedì posto unico € 21.50 / rid. <25 anni - >65 anni € 17 / under 18 € 12 / scuole € 12
• È valido l'abbonamento Invito a Teatro - tagliando Elfo Puccini
.