ELFO PUCCINI: PRIMA DELLA PENSIONE

«Abbiamo seguito fin dal suo apparire in Italia questo autore schivo - spiegano Elena Bucci e Marco Sgrosso - capace di leggere in profondità le persone e la storia e di registrarne le contraddizioni fino a farle esplodere in tragedia e risate di cuore. Attraverso i suoi testi, pieni di odio e amore per il teatro e per gli attori, abbiamo avuto l'occasione di vedere molti artisti alla prova. Ora tocca a noi saltare».
I due artisti delle Belle Bandiere scelgono di affrontare Bernhard partendo dal sinistro e bellissimo testo di Prima della pensione.
In una stanza austera con finestre socchiuse una famiglia di fratelli, Rudolf, Vera e Clara, pratica con maniaca precisione i riti che danno senso alla loro relazione. I tre paiono esistere solo in questo morboso incatenarsi l'uno all'altro, fantasmi che sbiadiscono se lasciati in solitudine e, soprattutto, se lasciati senza parole da dire e da ascoltare.
Nel giorno del compleanno di Himmler, il giudice Rudolf Holler, ex ufficiale delle SS, celebra la ricorrenza con un festino segreto, una "cena d'anniversario" allestita con cura meticolosa da sua sorella Vera, amante e musa devota, con la partecipazione ostile ma complice dell'altra sorella inferma, vittima e al tempo stesso carnefice dei suoi due congiunti.
Disegnandoli immersi nella loro miserabile devozione a una delle ideologie – o religioni? – più folli e criminali che abbiamo conosciuto, Bernhard riesce, ancora una volta, a farci innamorare dell'umano rivelandone l'orrore.

testa
• Orari: mar-sab 20:30 / dom 16:30
• Durata: 120' + due intervalli da 15'
Prezzi: intero € 32.50 / martedì posto unico € 21.50 / rid. <25 anni - >65 anni € 17 / under 18 € 12 / scuole € 12
Repliche per le scuole
.