ELFO PUCCINI: Porco mondo

Un uomo. Una donna. Una stanza. Dicembre, notte di Natale. La neve che tutto ricopre e tutto cancella. L'alba che coglie d'anticipo il buio, svela i desideri osceni, consuma i pensieri, stravolge gli animi.

Eccoli. Gli sposi ribelli, gli amanti stremati. Eccoli. Il superstite e il boia. L'incontro degli opposti. Nulla li soddisfa. Nulla li sazia. Ma dove si scappa mentre ci si viene incontro?
Hanno scritto di questo spettacolo: "Con autenticità da capogiro Biancofango traccia una linea di ricerca fra gesto e drammaturgia".
Hystrio

"Grande è la forza scenica e l'energia di questi due attori straordinari, in grado di tenere viva questa materia rovente."
Quaderni del Teatro di Roma

↑ torna su ↑
.