ELFO PUCCINI: Corpo feroce: Il sacro della primavera

  • Corpo feroce: Il sacro della primavera
  • FOTOGRAFIE

Questa non è una generazione di passaggio, nessuna generazione è di passaggio. Il Sacro è un lavoro di gruppo. Il corpo si sbilancia, cade nel desiderio di abbracciare tutto lo spazio come metafora della fatica che ci serve per svoltare, per correre fuori dalle stanze della mente nelle quali ci tengono confinati. Azioni precise, forti, furiose, velocissime.
Il Sacro della primavera abbraccia la visione originaria di Stravinskij - un rituale in cui un cerchio di anziani assisteva alla danza di una vergine fino alla sua morte - e ne fa una metafora del nostro tempo. È la rappresentazione di una generazione che attende obbligata allo stallo, osservata, spiata, una generazione che invecchia senza sbocciare, una generazione che deve riappropriarsi del proprio tempo. Il Sacro è il tempo interiore che si confonde che si ferma, mescolata al resto dei suoni del mondo.

↑ torna su ↑
• Orari: gio-sab 21:00 / dom 21:00
• Durata: 60' senza intervallo
• Prezzi: Intero euro 30.50 - Martedì biglietto unico euro 20 - ridotto <25 anni - >60 anni euro 16 - gruppi scuola euro 11

In questa serie:
Corpo feroce: Woyzeck ricavato dal vuoto
Corpo feroce: Col sole in fronte
Corpo feroce: Il sacro della primavera
Corpo feroce: L'amore segreto di Ofelia
.