ELFO PUCCINI:

La seconda parte, di Angels in America, Perestroika, è ambientata come la prima nella New York febbrile e onnivora degli anni Ottanta, contenitore ideale delle inquietudini di un’epoca che arriva fino ai nostri giorni. Qui riprende vita l’intreccio che mischia le vite di uomini semplici con quelle di angeli barocchi, di allucinazioni psicotiche che diventano reali e di personaggi storici trasformati in fantasmi.

Ritroviamo dunque i personaggi a cui molti spettatori si erano affezionati: Prior Walter, solo e malato di AIDS, e Louis, il suo ex fidanzato, adesso amante dell’avvocato mormone Joe Pitt; la giovane moglie di quest’ultimo, che in preda alla depressione si costruisce un’identità immaginaria, e sua suocera Hannah, rigida mormone costretta ad allargare le proprie vedute. L’AIDS ha colpito anche Roy Cohn, l’avvocato corrotto, colpevole realmente di aver mandato a morte i coniugi Rosenberg durante il maccartismo.

Il passato non gli fa sconti e gli infligge l’umiliazione di dipendere dalle cure di Belize, “l’infermiera negra del turno di notte, il mio negativo”. Con l’incalzare della morte, i suoi sogni si popolano di incubi e fantasmi: sarà proprio l’apparizione della sua vittima più famosa, Ethel Rosenberg, ad accompagnarlo verso la fine.

testa
Teatro Valle Roma (RM) 9-12 / 16-19 febbraio 2011
Teatro Mercadante Napoli (NA) 23 febbraio - 4 marzo 2011
Teatro Mercadante Napoli (NA) 6 marzo 2011
Teatro Alighieri Ravenna (RA) 10-13 marzo 2011
Teatro Sociale Brescia (BS) 16-20 marzo 2011
Teatro Storchi Modena (MO) 26 marzo 2011
Teatro sociale Como (CO) 2-3 aprile 2011
Teatro Toniolo Mestre (VE) 7 aprile 2011
.