ELFO PUCCINI: Piccolo grande cinema: A Tale of Ululu's Wonderful Forest

  • Piccolo grande cinema: A Tale of Ululu's Wonderful Forest

Subaru e Shizuku vivono a Tokyo ma, quando la loro madre viene ricoverata d'urgenza in ospedale, devono trasferirsi nei pressi di Hokkaido dove vive il loro papà veterinario che si occupa di curare gli animali selvatici del parco naturale. Egli accoglie con benevolenza i figli che però hanno difficoltà a vivere insieme a un padre che appena conoscono. I sentimenti di smarrimento e solitudine che pesano sugli animi di Subaru e Shizuku tuttavia col tempo iniziano a dissolversi. Un giorno la piccola Shizuku trova un cucciolo abbandonato che assomiglia a un lupacchiotto. Decide di prendersene cura e sceglie per lui il nome di Ululu. Per verificare la vera natura del piccolo Ululu, il papà di Shizuku contatta un famoso biologo, il quale scopre che il cucciolo potrebbe essere un lupo appartenente a una razza creduta estinta. Per la piccola Shizuku e suo fratello maggiore Subaru inizia così una sfida avventurosa volta alla difesa del valore dei sentimenti sulle ragioni della scienza.

Makoto Naganuma ha iniziato la sua carriera nell'ambito delle produzioni televisive, realizzando serie tra le quali Waltz of Her Heart (2004). A Tale of Ululu's Wonderful Forest (2009) è il suo primo lungometraggio.

R.: Makoto Naganuma; sc.: Tomoko Yoshida, Akemi Moriyama; fot.: Osamu Fujiishi; m.: Joe Hisaishi; prod.: NTV/ TOHO Pictures; int.: Eiichiro Funakoshi, Kyoko Fukada, Masaru Hamaguchi. Takaaki Kuwashiro, Sara Kitamura, Ken Mitsuishi, Sachiko Sakurai, Hideji Otaki.
Giappone, 2009, col., 120'. Ver. orig. con lettura dal vivo. 6-9 anni
↑ torna su ↑
• Prezzi: Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria al 346 9582555 (Segreteria scuole "Piccolo grande cinema" in orari di ufficio)
www.piccolograndecinema.it - www.cinetecamilano.it

In questa serie:
Piccolo grande cinema: Ago, Filo e... magia!
Piccolo grande cinema: Incontro sulla colonna sonora
Piccolo grande cinema: A Tale of Ululu's Wonderful Forest
Piccolo grande cinema: Seker
.