ELFO PUCCINI: Bruni: dai suoi ragazzi del college una lezione per la scuola italiana

SHEFFIELD, Yorkshire: un gruppo di studenti all'ultimo anno di college si prepara agli esami di ammissione all'università. Il preside, che li vorrebbe tutti a Oxford o Cambridge acquistando così punti per migliorare l'indice di prestazione della sua scuola, affianca ai due insegnanti già presenti - quello di poesia, l'appassionato, creativo anche se un po' cialtrone Hector, e quella di storia, la rigorosa miss Lintott - un docente più giovane, lo spregiudicato Irwin. E se per i primi due la missione è trasformare la cultura in uno strumento di crescita anche a costo di usare strumenti poco ortodossi, per l'ultimo arrivato si tratta solo di una questione di stile: diventare brillanti per sfondare nel mondo. Il secondo spettacolo firmato Bennett in arrivo sulle nostre scene è The History Boys, commedia del 2004 vincitrice di sei Tony Award. Ad allestirla per la prima volta in Italia ci pensano Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani che, fedeli a un tema a loro molto caro, la rileggono alla luce del rapporto fra generazioni. «C'è il tema della responsabilità, della trasmissione del sapere e, più che mai attuale specie oggi in Italia, del ruolo cruciale della scuola - spiega Bruni - Bennett mette a confronto due concezioni opposte: quella della cultura come fattore indispensabile per diventare esseri umani completi, imparando a leggere la realtà, e quella che invece la concepisce come valore d'uso da giocarsi nel grande supermercato dello showbusiness». Trattandosi di Bennett, la cifra è un'acuminata leggerezza, scandita da battute folgoranti e una splendida ironia, mentre segue i suoi personaggi tra cotte omosessuali, fragilità adolescenziali, professori con il vizio di palpeggiare gli studenti ma capaci di farli innamorare di Auden e Withman. Nella rilettura dell'Elfo, il tutto è arricchito da molta musica (dal vivo) con il cast che canta Edith Piaf e Doris Day o mima Bette Davis, perché secondo Hector anche dai vecchi film c'è qualcosa da imparare. In scena un bel gruppo di attori: Elio de Capitani è Hector, Ida Marinelli miss Lintott, Gabriele Calindri il preside, Marco Cacciola Irwin. Con loro otto giovani tutti under trenta, scelti dopo faticosissimi provini per interpretare la classe di studenti.

.