ELFO PUCCINI: AL TEATRO ELFO PUCCINI ANGELO DI GENIO CONDUCE LO SPETTATORE IN UN VIAGGIO ON THE ROAD

Asciutto, senza fronzoli e pretese, drammaturgicamente perfetto, "Road Movie" di Godfrey Hamilton, per la regia di Sandro Mabellini, va in scena al Teatro Elfo Puccini ed è subito un successo. Rappresentato già nel 2014 con un memorabile Angelo Di Genio, "Road Movie" è un monologo di forte intensità emotiva, che ci parla della paura di amare e dell'amore, fatta di perdite, di sfruttamento e di morte.
Di Genio è indubbiamente uno dei più bravi attori della sua generazione ed il suo carattere viene fuori dall'interpretazione del personaggio di Joel, gay trentenne, che in un viaggio durato cinque giorni per incontrare Scott, il proprio amore, s'imbatte in persone e situazioni disparate che lo condurranno a frantumare le proprie paure e a ridurre la distanza dagli altri e prima di tutti da se stesso, subendo una trasformazione profonda. Ambientato negli Stati Uniti degli anni Novanta, che hanno il sapore di certi film del genere appunto "Road Movie", il testo di di Godfrey Hamilton mette a nudo un'anima, in passaggi talvolta commoventi, svelando e superando pregiudizi e paure, intraprendendo un viaggio introspettivo.
Lo spettacolo diretto da Sandro Mabellini continua a convincere pubblico e stampa, ed è promotore della campagna contro l'Aids. Molti i giovani presenti allo spettacolo a lungo applaudito. Di Genio regala tutto se stesso al suo personaggio lasciandoci sgomenti e commossi. Un monologo lungo ed intenso, la cui drammaticità e poesia sono ben accentuate da una efficace regia delle luci. Ad affiancare Di Genio, in scena, al pianoforte e al violoncello Antony Kevin Montanari, che con la sua musica introduce i vari passaggi di questo straziante viaggio dell'anima.

.