ELFO PUCCINI: vivere senza malinconia

  • vivere senza malinconia

Il 13 maggio del 2002 sul Teatro di Porta Romana calava definitivamente il sipario: i tecnici di Teatridithalia iniziavano a smontare il palcoscenico e la platea per restituire alla proprietà l'immobile, “libero da cose o persone”.
Sarebbe stato poi demolito.

Fondato da Fiorenzo Grassi, Gianni Valle e un gruppo di attori, aveva aperto nel 1978, quasi in contemporanea con l'Elfo. I due teatri si sarebbero associati prima nella gestione del Festival Milano Oltre e poi, nel 1992, per dar vita a Teatridithalia.

Francesco Frongia ci guida in un viaggio che parte dal luogo dove sorgeva il teatro (al n. 124 di c.so di Portaromana) e dove ancora oggi sono visibili tracce dei muri dei camerini, con le scritte lasciate dagli attori e dai tecnici prima di abbandonarli. È una di queste scritte a dare il titolo al video: Vivere senza malinconia. Ed è quello che è accaduto in questi anni, perché nel teatro Elfo Puccini c'è molto di quel luogo e della sua platea ancora vivissima.
Un montaggio di ricordi intensi e divertenti, di emozioni e riflessioni di chi ha lavorato al Portaromana che si intrecciano alle immagini raccolte diciotto anni fa da Ferdinando Bruni In memoria.




SE VUOI SOSTENERE IL TEATRO DELL'ELFO, DONA SUBITO CON ART BONUS E RECUPERI IL 65% DEL TUO CONTRIBUTO >>> SCOPRI COME FARE QUI!

.