ELFO PUCCINI: Dr. Jeckyll e Mr. Aspie

  • Dr. Jeckyll e Mr. Aspie

Ridere e divertirsi con la sindrome di Asperger
Comfort zone: come uscirne?
La felicità, è più importante della tranquillità?
Samuel, 45 anni, è in una strana stanza. Per uscire... Non sa cosa deve fare.
E già la cosa parte male.
Una voce femminile parla con lui. Lui ODIA parlare con gli estranei. La ucciderebbe, se potesse.
Una commedia divertente e cinica sulla difficoltà di fare scelte radicali, sulla paura di perdere certezze, sul sentirsi alieno in un mondo diverso da te, Sul riconoscere i propri sentimenti.
Sul significato del Coraggio.
Samuel è attaccato alla propria vita ordinata, fatta di abitudini, di un lavoro molto al di sotto delle sue capacità, di un matrimonio asfittico, ma “sereno”.
Ma qualcosa arriva e sconvolge. E lui deve far fronte a ciò che lo terrorizza più di qualsiasi altra cosa: cambiare ed essere FELICE.
Lui, fino ad oggi è sempre sentito come un alieno in un mondo non fatto per lui.
Troppo sincero, troppo categorico, troppo solitario, troppo insensibile, troppo intelligente.
Troppo tutto, per gli altri. Troppo stronzo, per molti. Troppo difficile la vita, per lui.
Cerca di non perdere il controllo, ma la sua immaginazione e il suo cervello gli parlano e producono suoni che si sostituiscono ai suoi pensieri.
E sono molto più sinceri di ciò che lui stesso si racconta.
Samuel potrebbe essere chiunque.
Samuel è Asperger.

Note di regia
Lo spettacolo parla della sindrome di Asperger, un disturbo pervasivo dello sviluppo che è all'interno dello spettro autistico, ma è ad alto funzionamento.
Le persone asperger spesso non presentano nessun evidente tratto autistico, ma hanno enormi difficoltà nella socialità e nelle relazioni con gli altri, a causa di un elevatissimo sviluppo delle capacità logiche, a discapito dell'intelligenza emotiva o della capacità empatica. Soprattutto, gli adulti hanno imparato a camuffarsi, a fingere, a trattenere gli aspetti tipici della sindrome che li rendono diversi e che durante la crescita hanno provocato problemi nelle relazioni con gli altri.
Per parlare di questa sindrome abbiamo creato una commedia divertente e incalzante, dove ci siamo divertiti a far emergere i fraintendimenti tipici tra le persone Asperger e chi Aspie non è.
Ho buttato il nostro protagonista, Samuel, all'interno di una stanza immaginaria, che potrebbe essere una sala d'attesa, ma il suo aspetto ricorda quello del cervello umano, oppure un labirinto. Un labirinto strano, però, perché è senza pareti e Samuel potrebbe uscire anche solo scavalcando; ma non se ne accorge, se non alla fine. Il labirinto è fatto di cuscini, morbidi, comodi, accoglienti. Su ogni cuscino è indicato un sentimento, o una sensazione. Al centro del labirinto, ovvero del cervello stesso di Samuel, c'è un trono, che è insieme luogo di conforto e ragnatela dalla quale non riesce a fuggire.
Il problema di Samuel è non riuscire a rendersi conto che è giunta l'ora di fare un cambiamento nella sua vita e andare incontro alla felicità. Il personaggio si aggira per la stanza e interagisce con una voce fuori campo: Sarah, una donna che fa conoscenza con lui e lo sprona a parlare di sé e a mano a mano emerge la situazione: Samuel è in trappola. Mantiene un matrimonio ormai asfittico e svolge un lavoro molto al di sotto delle sue reali potenzialità. In altre parole, si tiene sempre un passo indietro rispetto alla felicità. Sarah pungola Samuel in ogni modo. Samuel, dal canto suo, cerca di non perdere il controllo ma spesso i suoi stessi pensieri e la sua immaginazione lo portano da un'altra parte. Il suo cervello, ovvero la stanza nella quale si trova, gli parla e produce suoni che si sostituiscono ai suoi pensieri. Immagina musiche e suoni al posto di parole e spesso si perde dentro di essi, che sono molto più sinceri di quello che Samuel stesso si racconta e racconta a Sarah. L'unica soluzione, per uscire dal labirinto che lui stesso si è costruito, sarà affrontare il dubbio e accettare di CAMBIARE.

↑ torna su ↑
• Orari: 20:30
• Durata: 70'
• Prezzi: intero € 16.50 / ridotto abbonati Elfo Puccini € 11.50
.