ELFO PUCCINI: L'altro sguardo

  • L'altro sguardo

In occasione delle repliche dello spettacolo Rosso (4 – 17 aprile), dedicato al maestro dell'espressionismo astratto Mark Rothko, il Teatro Elfo Puccini rinnova il legame con le arti visive ospitando due mostre: L'altro sguardo e INFRA-ROSSO.

L'altro sguardo appartiene all'oscurità. Sono stratificazioni di nero ottenute da frammenti di carta sovrapposti. Due anni di ricerca, di carte utili al lavoro e del giusto momento. Nel silenzio luminoso di cinque giorni trascorsi in camera oscura il progetto si è formalizzato, spontaneamente.

Si arriva in un luogo, lo si intuisce, non lo si conosce.
Si comincia a esplorare, palpare, scavare. Ne escono cose che non sapevamo ci fossero. Sapevamo che avremmo trovato qualcosa.
Continuiamo; alla ricerca della sorpresa.
Sorprese che alle volte ricordano cose passate e alle volte predicono cose future.

Nel buio della caverna.
Quanta luce c'è nel buio.

Scuro, triste , tragico, paura, morte, sofferenza, prosperità, eleganza, senza debiti, morboso e importante, sommerso, buco, Nord, palla 8, umore, lavoro, inchiostro, seppia, tartufo, pantera, Lp, carbone, petrolio.

Alberto Burri, Caravaggio, Marc Rothko.

Miles Davis, Mal Waldron, Wadada Leo Smith.

La montagna e la caverna.
La caverna nella montagna... una montagna in una caverna. Caverne e montagne le une dentro le altre.

Suonano le campane, nubi nere sul Cancervo.

Di quante materie è fatto il buio
Di quante materie è fatta la luce

24 "Scatti" ascoltando musiche di Steve Lacy, mie, di Egberto Gismonti, Fred Frith, Tom Waits. Ripetutamente, ossessivamente, profondamente.
Principiando.

Dopo un certo numero di sorprese, subentra l'esperto.
Ce ne andiamo.
Giancarlo Nino Locatelli

Pietro Bologna, maggio 1972.
Ricordo con interesse e come importanti "tracce" le relazioni avute con il centro culturale San Fedele, diretto da Andrea dall'Asta, con la ormai assente Fondazione Italiana della Fotografia di Torino e Luisella d'Alessandro. Con il caro amico Antonio Brescacin, mio primo collezionista, tristemente scomparso, con Alberto Casiraghi e i suoi "Pulcini" e, negli ultimi anni, con Toni Nicolini che, in silenzio, molte cose mi ha suggerito.

↑ torna su ↑
Inaugurazione: 4 aprile ore 19:30. Incursioni sonore di Nino Locatelli
• La mostra sarà visitabile un'ora prima dell'inizio di Rosso
www.pietrobologna.it
.