ELFO PUCCINI: A domani

  • A domani

"Questa è una storia d'amore. Si tratta dell'amore più antico, forte e puro: quello che unisce una madre e un figlio. Lei è malata, ha poco tempo; la vita di lui è ridisegnata dal tempo immobile della malattia. Si tratta di antiche situazioni che fanno emergere il conflitto eterno tra passato e presente: quando si usa ciò che è stato per sopportare ciò che è. Ed è proprio in questa situazione di conflitto che viene fuori l'essere umano, colui che cercherà di dare senso all'aspetto più inaccettabile della condizione umana: imparare a dire addio a ciò che amiamo. Attorno all'essere umano tutto diventa incerto: lo spazio, il tempo e la quotidianità. L'uomo vaga impotente giorno dopo giorno; gli oggetti quotidiani diventano fantasmi, ombre, mostri pericolosi; l'uomo cerca di non vedere l'unica via di sopravvivenza a questo dolore fino a che non raggiunge lo sfinimento. Solo in quel momento, inerme, può arrendersi alla realtà: deve guardare negli occhi quel male dentro di lei."

Lost Movement con "A Domani" sviluppa una creazione partendo dallo studio del morbo di Creutzfeldt-Jakob (CJD), una malattia neurodegenerativa rara, cercando di comprendere come l'ammalato si muove e si comporta nella quotidianità. Per il malato tutto si capovolge, a partire dalla dimensione domestica: la casa non è più un luogo sicuro dove trovare riparo ma diventa un labirinto di confusione pieno di difficoltà.

↑ torna su ↑
• Orari: 21:00
• Prezzi: 16.50 euro
.