ELFO PUCCINI: Alcesti

  • Alcesti

Alcesti è la narrazione di un saluto straziante e tragico tra due innamorati, topos della letteratura di tutti i tempi e di tutte le latitudini. Tragedia carica di un amore immenso, predilige il lato umano della sua narrazione, distinguendosi e allontanandosi da altri addii mitici, tra cui quello di Ettore e Andromaca alle porte Scee, o quelli Shakespeariani. E' il racconto di un addio suggellato dal più sublime dei sacrifici, che si fa meditazione e ricordo, nei gesti della sua silenziosa protagonista. Alcesti rivela agli occhi del suo lettore un orizzonte nostalgico e malinconico che ci rammenta, più nella descrizione della sua figura e delle sue azioni che nelle sue stesse parole, i più toccanti addii della letteratura: da Arianna a Creusa, da Werther a Jacopo Ortis a Emma Bovary, a ‘Ntoni nei Malavoglia, a Holderlin, Rimbaud, Kafka, Neruda. L'addio narrato da Alcesti è il limitare di uno spazio, è la soglia di una partenza per l'ignoto. Nella presenza di Admeto, nel paesaggio delle cose conosciute, già s'insinua l'ombra di un'estrema lontananza: lo spazio infinito che separa, uno spazio non raccontato da Euripide, ma solo evocato, vuoto e colmo di silenzio assordante. Un arco di tempo impossibile da definire in termini di lunghezza, che va dal momento in cui Alcesti decide di lasciare il mondo dei vivi, fino al suo sacrificio. È in quest'arco di tempo che trova fondamento il monologo silenzioso della protagonista, soliloquio sull'essenza del ricordo, sulla profonda verità delle cose, moltiplicato in scena da una pluralità di interpreti. Alcesti scruta nostalgica l'orizzonte lontano alle sue spalle. Vertigine della memoria. Il suo corpo suona il Requiem di un altrove perduto e trattiene l'ultimo respiro che la separa da una nuova ignota condizione. Da questo confine si muoverà oltre la prigione della dimenticanza e del rumore, dentro un tempo poetico, silenzioso, sospeso. Presenza del vuoto. Il suo linguaggio è frammentato, spezzato, ora voce viva ora eco di musiche e suoni di un addio come tanti: il rumore di cappotti indossati per uscire di casa, quello di un bacio leggero dato sulla guancia e infine un levare silenzioso dell'anima. (S. Mazzotta)

↑ torna su ↑
• Prezzi: intero € 10 / ridotto abbonati elfo puccini € 5
• Info: www.lombardiaspettacolo.com
.