ELFO PUCCINI: next

  • next
MATTINA

• ore 10:00 sala Shakespeare: COMPAGNIA MARIONETTISTICA CARLO COLLA & FIGLI / Hansel e Gretel
scritto e diretto da Eugenio Monti Colla
musica Danilo Lorenzini
marionettisti: Eugenio Monti Colla, Franco Citterio, Mariagrazia Citterio, Piero Corbella, Camillo Cosulich, Debora Coviello, Cecilia Di Marco, Tiziano Marcolegio, Sheila Perego, Giovanni Schiavolin, Paolo Setteattori: Loredana Alfieri, Roberto Carusi, Lisa Mazzotti, Franco Sangermano
La Carlo Colla & Figli, dopo aver affrontato, negli anni scorsi, la commedia classica (La famiglia dell'Antiquario) e la grande opera lirica italiana (Turandot) torna ad uno dei temi classici del proprio repertorio, ovvero la fiaba. Hansel e Gretel, una delle più terribili e sconcertanti fiabe dei fratelli Grimm, diventa lo spunto che permette al marionettista di trasformare ogni elemento per soddisfare l'idea della metafora e del simbolo.

• ore 10:30 sala Fassbinder: LA BILANCIA / Il capo dei miei sogni
di Sara Palma e Daniele Benedetti
regia Roberto Marafantecon Ussi Alzati, Michele Costabile, Marcella Formenti, Flavio Francucci, Massimiliano Vado
Il concorso "Una commedia in cerca di autori®" è realizzato in collaborazione con il Teatro Cristallo di Cesano Boscone, la Sala Argentia di Gorgonzola, il Teatro San Luigi di Concorezzo, il Teatro San Rocco di Seregno, il Teatro Ideal di Varedo, il Teatro Manzoni di Busto Arsizio, il Teatro de' Servi di Roma, ATCL, Torino Spettacoli e con il patocinio di Regione Lombardia e Lazio, Comune di Milano e Roma, S.I.A.E., Università degli Studi di Milano, Università degli Studi di Bergamo, Università Cattolica del Sacro Cuore, Accademia Nazionale di Arte Drammatica Silvio D'Amico.
La Bilancia Produzioni, che gestisce il Teatro Martinitt, ha indetto la terza edizione del concorso per emergenti "Una commedia in cerca di autori®" al fine di stimolare il tessuto drammaturgico nazionale alla nuova produzione di Commedie italiane, genere virtuoso che affonda le sue radici nella cultura e nella tradizione del nostro paese. Il copione vincitore è diventato lo spettacolo "Il capo dei miei sogni" commedia brillante, divertente e molto attuale dove si riesce a trovare il lato positivo di uno dei mali dei nostri tempi, la precarietà.

• ore 11:00 sala Shakespeare: ASSOCIAZIONE K. / ESODO pentateuco #2
di Diego Runko, Chiara Boscaro, Marco Di Stefano
drammaturgia Chiara Boscaro
regia Marco Di Stefano
musiche originali Lorenzo Brufatto
con Diego Runko
progetto de La Confraternita del Chianti, in coproduzione con Dramma Italiano di Fiume - Teatro Nazionale Croato Ivan De Zajc (Rijeka/Fiume), in collaborazione con Teatro Verdi/Teatro del Buratto Milano
"Pentateuco" è un progetto con 5 monologhi, 5 attori, 5 partner internazionali (più 1 italiano) e 5 storie di migrazione che prendono spunto dai primi 5 libri della Bibbia. "ESODO pentateuco #2" è il secondo, e il suo protagonista è Rudi. Rudi non è mai emigrato, ma tanti ne ha visti partire. Rudi è un istriano di Pola, come Diego, il bambino di dieci anni cui racconta la sua storia. Una storia fatta di bombe, di esodi, di zanzare, di barche e di Alida Valli.

• ore 11:30 sala Fassbinder: MED UOVO / Vocazione all'Asimmetria
di Francesca Foscarini
con Francesca Foscarini e Andrea Costanzo Martini
Produzione Van Associazione Culturale in coproduzione con CSC/Casa della Danza del Comune di Bassano del Grappa (IT), Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee (IT), Les Brigittines (BE), MASDANZA The International Contemporary Dance Festival of the Canary Islands (ES), TripSpace Projects London (UK), Tanzhaus Zürich (CH), 3Bis Aix Provence (F), Uovo performing arts festival, Milano (IT)con il sostegno di Istituto Italiano di Cultura Madrid (ES); Istituto Italiano di Cultura di Londra (UK) / DANZA
Francesca Foscarini è una delle più interessanti coreografe e interpreti italiane. Vocazione all'Asimmetria nasce dalla riflessione intorno all'idea di alterità che si rivela nell'incontro con l'altro. Secondo Lèvinas, si esce dall'anonimato attraverso l'incontro con l'Altro; il nostro rapporto col mondo, prima ancora di essere rapporto con le cose, è rapporto con l'Altro, un'alterità di cui non possiamo mai avere conoscenza certa, che sempre ci sfugge. L'Altro si manifesta come Volto: non semplicemente come forma plastica, ma anche come possibilità di innesco per una determinata e specifica modalità relazionale.

• ore 12:00 sala Shakespeare: TEATRO DELLA COOPERATIVA / Ermada, strada privata
scritto e diretto da Renato Sarti
con Alex Cendron e Valentino Mannias
scene e costumi Carlo Sala
Durante la prima Guerra Mondiale sui monti Ermada e San Michele persero la vita decine di migliaia di giovani. L'Ermada rimase in mano austriaca, mentre il San Michele, conquistato dagli italiani, vide nascere il mito dell'eroica brigata Sassari. Distanti tra loro un tiro di mortaio le due cime si guardano in faccia e a modo loro, forse, riescono a parlarsi.

• ore 12:30 sala Fassbinder: COLLETTIVO PIRATEJENNY / Cheerleaders
scritto e diretto da Sara Catellani, Elisa Ferrari, Davide Manico
con Sara Catellani, Elisa Ferrari e Giselda Ranieri
con il sostegno di INteatro Polverigi, Teatro Pim OFF, CON.COR.DA, Quelli di Grock, Cantieri Teatrali Koreja
Cheerleaders è un concetto astratto che funge da contenitore capace di raccogliere da un lato la necessità umana di autoincitamento e dall'altro il bisogno di appartenenza ad un gruppo.
Per vivere è necessario farsi attraversare da stati fisici condivisi e in questo caso la metafora della tifoseria professionale ci permettere di interrogare il corpo su una molteplicità di vocabolari collettivi. Pratiche e addestramenti per una perfetta curva contemporanea.

POMERIGGIO

• ore 14:00 sala Shakespeare: LA DANZA IMMOBILE | TEATRO BINARIO 7 / ...Secondo Cyrano
scritto e interpretato da Alessandro Betti e Alfredo Colina
regia Corrado Accordino
Hanno aperto le selezioni per il casting di Cyrano. Hanno già provinato tutti (quasi tutti). Mancano due attori. Uno dei due arriva prima dell'altro. È nell'anticamera. È ansioso, come ad ogni provino, pensa di non farcela, come ad ogni provino. Quando arriva l'altro candidato il primo vuole toglierlo di mezzo. Tra i due nasce un gioco esilarante e crudele, una competizione senza eroismi e merletti. Una schermaglia tra attori, tra le pagine in ombra di Cyrano.

• ore 14:30 sala Fassbinder: TEATRO FILODRAMMATICI / Parassiti fotonici
di Philip Ridleytraduzione, versione italiana e regia Bruno Fornasari
con Tommaso Amadio, Federica Castellini (cast in via di definizione)
La nuovissima commedia di Philip Ridley (Londra, marzo 2015) affronta il tema casa in una grande città. Il testo indaga, in chiave allegorica e provocatoria, fino a che punto potrebbe spingersi una giovane coppia, in attesa di un figlio, per riuscire a garantirsi la casa dei sogni. Mentre Ollie e Jill ci raccontano la loro storia, siamo proiettati in una sorta di patto faustiano, dove a far da vittima, purtroppo, non sarà soltanto la loro coscienza.

• ore 15:00 sala Shakespeare: TEATRO OUT OFF / Le notti bianche
di Fëdor Dostoevskij
regia Lorenzo Loris
con Elena Arvigo e cast da definire
In "una notte meravigliosa di quelle che possono esistere solo quando siamo giovani," un timido sognatore, scorge all'improvviso, una donna singhiozzante, protesa da un ponte, con lo sguardo perso nell'acqua torbida del canale. Le loro anime si incontrano, e i due si rivedono per quattro notti in quel luogo misterioso. Finché non accade un imprevisto che li allontana per sempre. Ma il sognatore le sarà tuttavia riconoscente, per avergli donato anche solo un attimo di beatitudine.

• ore 15:30 sala Fassbinder: TEATRO BLU / Carmen
di Silvia Priori
da uno studio su "Carmen" di Prosper Mèrimèe
con Silvia Priori (attrice), Caterina Piva (soprano), Maria Rosaria Mottola (ballerina flamenco), Gruppo Ottoni del Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Milano, direttore d'orchestra Gianmario Bonino
regia Kuniaki Ida e Silvia Priori
in collaborazione con Punto Flamenco Ensemble
Narrazione in opera gitana – Teatro – Canto - Flamenco
Una storia di un amore gitano che nasce, cresce e muore in cuori ardenti ed impetuosi e che tocca i vertici più alti della drammaticità. In un mondo fatto di zingari, di osti e di contrabbandieri Carmen è un personaggio possibile, non è uno stereotipo di donna, ma una persona conscia della propria sensualità traboccante, della propria personalità, e sarà la prima donna protagonista che dirà al pubblico "Carmen libera è nata, e libera morrà".

• ore 16:00 sala Shakespeare: TEATRO i / C'è un diritto dell'uomo alla codardia
da Germania 3. Spettri sull'uomo morto ed altri materiali di Heiner Müller
regia Renzo Martinelli
dramaturg Francesca Garolla e Francesco Alberici, Stefano Cordella, Héléna Roumiantseva, Giulia Tolliscon Liliana Benini, Cristina Cappelli, Daniele Crasti, Marco De Francesca, Giulia Mancini, Mauro Sole
in collaborazione con l'Accademia d'Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano
Un mondo sgretolato e frammentato, un orizzonte storico esploso, abitato da protagonisti e comprimari che hanno attraversato la storia, in parte modificandola e in parte essendone modificati. Quale responsabilità nasce da una scelta individuale che diventa politica? Qual è il testamento che la storia ci lascia? Un originale esperimento drammaturgico realizzato in forma di primo studio sull'autore con giovani registi, drammaturghi e attori.

• ore 16:30 sala Fassbinder: MILANOLTRE / Con Tus Ojos
direzione e coreografia Susanna Beltrami
in coproduzione con Associazione Contart
Due sono gli aspetti importanti di questa operazione: la creazione di una scenografia multimediale dove le immagini di un video creato ad hoc scorrono sul fondo sovrapponendosi alle sagome dei performers e il coinvolgimento per la prima volta di una compagnia di giovani danzatori, accanto a un gruppo di danzatori "over", dalla carriera artistica affermata. Questo esperimento originale vuole essere il pretesto per dar vita ad un confronto necessario tra sensibilità, sguardi, forze espressive ed esperienze legate a diversi momenti storici della danza, per abbracciare la complessità dell'opera di Picasso.

• ore 17:00 sala Bausch: RESIDENZA IDRA / Serissimo Metodo
tratto da "Serissimo Metodo Morg'hantieff" di Claudio Morganti
regia Michelangelo Dalisi
con Michelangelo Dalisi e Salvatore Caruso
"Non esultate. Si esulta nello sport. Lo sport è metafora, il teatro analogia. Dunque, due pianeti differenti." (Claudio Morganti - Serissimo Metodo Morg'hantieff) "Serissimo Metodo" è una sorta di conferenza spettacolare, in cui un relatore/Maestro ed un assistente/Allievo espongono una sintesi del "Serissimo Metodo Morg'hantieff" di Claudio Morganti, invitando il pubblico ad agire alcuni esercizi presenti nel libro per cercare, insieme, di uscire dallo spettacolo e provare a sfiorare, a sprofondare, nel teatro, o, piuttosto, a lasciarlo accadere.

• ore 17:30 sala Fassbinder: TEATRO DELL'ELFO / Harper Regan
di Simon Stephens
regia Elio De Capitani
con Elena Russo Arman, Cristina Crippa, Francesco Acquaroli, Marco Bonadei , Martin Chishimba, Camilla Semino Favro, Cristian Giammarini
La quarantunenne Harper Regan abbandona improvvisamente il lavoro, il marito e la figlia adolescente per andare a trovare un'ultima volta il padre morente. Il viaggio di andata e ritorno di soli due giorni, da Uxbridge (nei sobborghi di Londra) verso Stockport e Manchester, diventa un percorso di presa di coscienza lungo il quale emergono i nodi irrisolti della sua vita, le sue difficoltà personali e famigliari.

• ore 18:00 sala Bausch: ATIR TEATRO RINGHIERA / La figlia del vento
di Michele Santeramo
regia Serena Sinigaglia
con Tindaro Granata, Valentina Picello, Chiara Stoppa
in collaborazione con Proxima Res
Serena Sinigaglia e Michele Santeramo portano in scena la storia di Samia Yusuf Omar. Samia voleva correre e vincere le Olimpiadi. Samia era un'atleta. Samia era somala. Quella di Samia non è solo una storia d'immigrazione, è il motivo di una partenza, è quel che c'è prima del viaggio, è la sua condizione di persona, col talento di una figlia del vento.

↑ torna su ↑
.