ELFO PUCCINI: barbarica

  • barbarica

Il segno forte e aspro di Sergio Battarola - artista testoriano per eccellenza - è già noto agli spettatori dell'Elfo, perlomeno a quelli che ci seguono da alcuni anni. È infatti l'autore dell'imponente fondale de Il trionfo della morte, dipinto in occasione dello spettacolo teatrale I rifiuti, la città e la morte di R. W. Fassbinder nel 1998. E un particolare di questo grande dipinto è stato anche il simbolo della stagione 2010/11.
La sua ultima mostra viene presentata nelle galleria dell'Elfo Puccini e inaugura una serie di esposizioni che abiteranno in questa stagione gli spazi del teatro.
È una riflessione sul libro La malora di Beppe Fenoglio in occasione di due anniversari importanti: il 90° della nascita dello scrittore nel 2012 e il 50° della morte che ricorre quest'anno.
Con 33 disegni e diverse sculture Sergio Battarola ci racconta la famiglia Braida, le Langhe e gli eventi che ruotano intorno al racconto fenogliano, a rappresentare l'umanità intera, non unicamente il microcosmo piemontese, grazie a quel "realismo critico" capace di evidenziare non solo l'identità regionale ma la realtà contadina in generale.
Nel dicembre di quest'anno Battarola esporrà nel Museo Diocesiano Bernareggi di Bergamo la mostra Generazioni.

↑ torna su ↑
• Ingresso libero
• Orari: il 18 ottobre la mostra aprirà dalle ore 18:30, saranno presenti l'artista e la curatrice. Dopodiché la mostra sarà visitabile solamente in orario di apertura spettacoli (quindi un'ora prima dell'inizio spettacoli)
.