ELFO PUCCINI: monologhi della vagina

  • monologhi della vagina

A undici anni dal loro debutto in Italia I monologhi della vagina approdano a Milano con il V-Day. L'incasso verrà devoluto a favore dell'associazione Cerchi d'acqua.

Ormai diciassette anni fa, la drammaturga newyorkese Eve Ensler scrisse una pièce teatrale intitolata I monologhi della vagina. Aveva intervistato più di 200 donne di tutte le età, razze, professioni e classi sociali e aveva chiesto loro di parlarle della propria vagina; ne trasse una testimonianza senza precedenti sulla violenza che in tutto il pianeta – in modo più o meno marcato a seconda della latitudine e longitudine – avviene sul corpo delle donne. Eve stessa interpretò il testo in un teatrino off-off Broadway e il successo fu enorme. Nel 1998 decise di organizzare all'Hammerstein Ballroom di New York (2500 posti) una grande serata di beneficenza – il "V-Day"– per raccogliere fondi per le associazioni che lottano contro la violenza alle donne in tutte le sue forme. Chiamò le più grandi star – tra le quali, Glenn Close, Susan Sarandon, Whoopi Goldberg, Winona Ryder, Marisa Tomei, Rosie Perez, Calista Flockhart, Lily Tomlin – che accettarono con entusiasmo e generosità di leggere il testo per quella serata.
Da quel momento la pièce ha cominciato a fare il giro del mondo e il 5 marzo 2001 I monologhi della vagina sono approdati anche nel nostro paese, con il primo "V-Day" italiano al Teatro Argentina di Roma.
Quest’anno il V-Day si terrà il 2 aprile al Teatro Elfo Puccini dove come di consueto una ventina tra attrici ed esponenti della politica e della società civile leggeranno I monologhi della vagina alla presenza dell'autrice Eve Ensler.

↑ torna su ↑
• Prezzi: Intero euro 40.00
.