ELFO PUCCINI: django dei sobborghi

  • django dei sobborghi

"Django dei sobborghi" è nato dall'esigenza dell’autrice di coniugare il bisogno di dare voce a chi non ce l'ha, con l'urgenza di elaborare sensazioni personali derivate dal peso di sentirsi in qualche modo diversi.
Lo spettacolo, che ha come protagonisti un rom ed un commissario di polizia, verte sul tema del pregiudizio, mettendo lo spettatore nella condizione di poter guardare con altri occhi e da un’angolazione nuova la confessione di un delitto commesso, è vero, ma forse senza colpa.
La riflessione libera sul tema a cura di Don Gino Rigoldi che apre lo spettacolo, si propone di essere oltre ad una testimonianza personale di esperienze spesso dolorose, anche una rappresentazione della realtà che prelude alla finzione scenica dell’opera.
Immediatamente a seguire, il tono grave della fisarmonica cromatica del maestro di musica balcanica Jovica Jovic consente allo spettatore di cominciare ad assaporare il gusto malinconico che pervade l’intera opera.

↑ torna su ↑
• Ingresso: 15 euro
.